All posts by selvarealeblog

5 giugno, Giornata Mondiale dell’Ambiente

Nel 1972, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite proclama La Giornata Mondiale dell’Ambiente (World Environment Day), che viene celebrata ogni anno il 5 giugno. Lo slogan di quest’anno è “Think, eat, save”- pensa, mangia e risparmia – con lo scopo di dare il via a una serie di riflessioni sul cibo che quotidianamente viene sprecato. Per questo motivo sla manifestazione principale è ospitata in Mongolia, dove il tradizionale stile di vita nomade di alcuni dei suoi abitanti – che hanno sviluppato modi per conservare gli alimenti per lunghi periodi – offre alcune antiche risposte alla sfida moderna degli sprechi alimentari. (altro…)

Top

Anch’io mi faccio un #selfie

Ognuno di noi dovrebbe avere la possibilità di osservare un animale, toccarlo e magari anche di cui prendersi cura. Il contatto uomo-animale è fondamnetale per lo sviluppo di una coscienza sostenibile. Grazie alla tecnologia è possibile, però, mostrare soprattutto ai più piccoli la bontà degli animali. (altro…)

Top

L’asinello

C’era una volta un re e una regina, che erano ricchi e avevano tutto quel che desideravano, ma non avevano figli. La regina se ne doleva giorno e notte e diceva: -Sono come un campo dove non cresce nulla-. Finalmente Dio la esaudì: quando però il piccolo venne al mondo, non aveva l’aspetto di un bimbo, ma di un asinello. Quando la madre lo vide, prese a piangere e a lamentarsi più che mai: avrebbe preferito non avere figli, piuttosto che avere un asino! E disse che bisognava buttarlo in acqua perché lo mangiassero i pesci. Ma il re disse: -No, Dio ce l’ha dato, e sarà mio figlio e il mio erede; dopo la mia morte salirà al trono e porterà la corona regale-. (altro…)
Top

L’Albero delle Ciliegie

Domenica 25 maggio, nel magico bosco di Selva Reale si terrà una festa gustosa per celebrare le Ciliegie. Prima di darvi tutti i dettagli dell’iniziativa a cura di Coloribo, vogliamo raccontarvi una storia molto simpatica. Buona lettura

C’erano una volta due amiche Marta e Melinda. In una mattina soleggiata, presero il cestino e si addentrarono all’interno del bosco canticchiando e giocando a rincorrersi tra gli alberi.. All’improvviso si parò, davanti a loro, un enorme albero ricco di frutti rossi. Le due bimbe si fermarono e decisero, visto l’altezza dei rami, di mettersi una in spalla all’altra, per poter raccogliere un po’ di ciliegie. (altro…)

Top

L’uomo che intagliava pezzi di legno

“Tagliate l’albero e stroncate i suoi rami:
scuotete le foglie, disperdetene i frutti:
fuggano le bestie di sotto e gli uccelli dai suoi rami.
Lasciate però nella terra il ceppo con le radici,
legato con catene di ferro e di bronzo
fra l’erba della campagna.
Sia bagnato dalla rugiada del cielo
e la sua sorte sia insieme con le bestie sui prati.
Si muti il suo cuore e invece di un cuore umano
gli sia dato un cuore di bestia:
sette tempi passeranno su di lui.
Così è deciso per sentenza dei vigilanti
e secondo la parola dei santi
Così i viventi sappiano che l’Altissimo domina
sul regno degli uomini e che egli lo può dare
a chi vuole e insediarvi anche il più piccolo degli uomini.”

Comincia con queste parole di “Sogno del grande Albero del Re Nabucodonosor” questo libro di Elisabetta Pastore che parla di un uomo solitario, ma parla anche del mondo incantato del Parco Naturale Selva Reale.
Il protagonista di questa favola, se così possiamo definirla, è un uomo che intaglia pezzi di legno e vive in modo molto isolato, lontano dai rapporti umani e dagli scambi sociali. Un giorno, in preda a un furore artistico sconosciuto, realizza la sua più grande opera: un cavallo di dimensioni giganti. Per fargli spazio, decide di regalare agli abitanti del suo villaggio le sue precedenti opere, ma questi le rifiutano con sdegno. Avvilito dallo squallore umano che lo circonda, si chiude sempre più in se stesso, ma quando tutto sembra perduto, scoprirà che per ognuno di noi esiste un luogo e un tempo dove poter vivere felici, essendo semplicemente se stessi.

Un storia dolce che racconta i modi diversi di vivere la vita che riesce ad essere bella nelle sue molteplici rappresentazioni, nonostante tutto. Essere felici di se stessi e con se stessi è il primo passo per trasformate il resto della propria esistenza. Ognuno di noi lo capirà con il passare del tempo dove e come poter essere felici: potrà essere in una casa di campagna, su una montagna oppure immerso in un bosco. L’importante è che ognuno scopra la propria.

Chiunque fosse interessato all’acquisto del libro può scriverci a info@selvareale.it 

Top
1 2 3 4 5 89 Page 3 of 89