All posts in All’aria aperta

Boungh Bike: arriva anche in Italia la bici 100% in legno

Arriva anche in Italia la bici in legno al 100%. Progettata dall’olandese Jan Gunneweg, la Bough Bike, la speciale due ruote promette di rivoluzionare il settore, rendendolo ancora più ecologico. Ma il costo troppo elevato potrebbe limitarne le vendite. In ogni caso, i vantaggi sono tanti: il legno che assorbe le vibrazioni, un telaio robusto che garantisce di muoversi in maniera silenziosa e il comfort legato all’uso di questo materiale naturale.

Pensata e progettata per essere una city bike, la speciale bici è personalizzabile. La società infatti permette di scegliere tra tre tipologie di colore della sella e delle gomme e tra tre altezze differenti per il manubrio.

Il materiale usato per costruirla, spiega il progettista, è il legno dei rami delle querce che crescono nelle foreste francesi. Una scelta non casuale, visto che la Francia è uno dei paesi in cui sono di più gli alberi piantati che quelli abbattuti. Il suo peso si aggira inoltre attorno ai 20 kg. La bici è attualmente disponibile in due misure, la 26 e la 28 e può essere usata anche in caso di pioggia perché ha una buona resistenza all’acqua. È utile a questo proposito trattarla con il suo specifico olio. Dove comprarla? In Italia sarà distribuita online dalla Bread&Style e i tempi di consegna sono di circa 4 settimane, mentre il trasporto è gratuito. Al momento della consegna, la bici viene regolata in base alla nostra altezza e si riceverà un kit di manutenzione. Unico neo il costo, tutt’altro che abbordabile. Per avere uno dei tre esemplari di Bough Bike occorre sborsare da 1600 a 1840 euro circa, quest’ultima arricchita di portapacchi anteriore e posteriore. Forse per noi poveri ciclisti “squattrinati”, sarà il caso di aspettare che in Italia arrivi anche la bici in cartone riciclato. Quella, almeno costa solo 9 dollari. Greenme.it

Top

Raccogliere la Camomilla

Se volete raccogliere Camomilla questo è il periodo migliore. Ma come fare a distinguerla? Per imparare a distinguere la Camomilla (Matricaria Chamomilla) è che le ligule bianche (i petali) al termine della fioritura sono rivolte verso il basso. I fiori vanno raccolti all’inizio della fioritura, quando i capolini non sono aperti e di un bel colore bianco. Se li strofinate devono dare quel profumo caratteristico che tutti conosciamo.

La raccolta va fatta in giornate asciutte e preferibilmente la sera, per non compromettere la successiva essiccazione. Come tutti i fiori e le piante, per essicarle vanno raccolte a mazzetto e poste a testa in giù in un luogo buoi, fresco e ben areato. Quando saranno secchi basterà recidere i capolini e metterli in un barattolo. I fiori vanno utilizzati entro l’anno.

In questo periodo può essere utile utilizzare impacchi di camomilla per i capelli, per renderli più forti e belli prima e dopo l’esposizione al sole. Basta preparare un decotto facendo bollire per un paio di minuti una manciata di fiori in poca acqua, lasciare raffreddare e aggiungere un cucchiaio di olio di oliva extravergine.

Questa maschera rinvigorisce i capelli e, se sono chiari, dona loro un fantastico effetto luce. Va applicata prima dello shampoo per una ventina di minuti, avvolgendoli con una pellicola trasparente. Lo sapevate che la Camomilla si chiama così perché significa “piccola mela”? E Matricaria perché veniva dato alle donne durante il parto? Inoltre la Camomilla ha ispirato da sempre il simbolo della forza nelle avversità. Durante l’ antichità i giardinieri avevano l’abitudine di piantare della camomilla vicino a piante debilitate e sofferenti al fine di rafforzarsi e da qui probabilmente è derivato il suo significato.

Terra Madre

Top

Come creare un Giardino per Bambini

L’infanzia è un periodo di gioia e di meraviglia. I nostri bambini apprezzano le nuove idee che condividiamo con loro attraverso i libri e le conversazioni ed i misteri della vita che proviamo ad insegnar loro nella nostra casa e nell’ ambiente naturale. Un giardino è uno di quei misteri della vita che potrebbe rappresentare una grande gioia per i bambini e per noi. Il giardinaggio può essere fonte di molte belle esperienze per i nostri piccoli. Oltre a poter essere testimoni ed a contribuire a creare nuova vita, i bambini traggono dei benefici dal fatto di essere coinvolti in un’attività all’aria aperta, che rinforza la loro salute e il loro apprezzamento per la natura.

Ecco alcuni suggerimenti per delle componenti fondamentali nel giardino di un bambino:

  •  Ci dovrebbe essere dello spazio per giocare all’interno ed intorno al giardino.
  • I bambini adorano nascondere le cose, quindi un giardino a misura di bambino dovrebbe avere dei vasi o delle piante in cui poter nascondere le cose
  • Per assistere i bambini nell’osservazione e nella cura delle piante, crea minuscoli sentieri tra le varie zone del giardino.

Scavare nel terreno sarà sempre una delle attività più amate dai bambini da fare all’interno del loro giardino. Acquista degli attrezzi adatti all’età ed all’ altezza dei tuoi bimbi e lascia che piantino dei semi nel terreno (che avrai precedentemente preparato ed ammorbidito) durante i mesi primaverili. Prepara su un grosso cartoncino una tabella per l’innaffiamento ed utilizza delle date e dei pennarelli per indicare quanto spesso le piante dovrebbero essere innaffiate e concimate. Quando i primi germogli spunteranno dal terreno, fai in modo che il tuo bambino lo annoti sulla tabella. Se hai una macchinetta fotografica scatta una foto. Meglio ancora se sei in possesso di una fotocamera digitale, così potrai scattare le foto e caricarle sul tuo computer. Potrai creare un cartella con tutte le foto dell’attività di giardinaggio di tuo figlio ed aggiornarla periodicamente. Potresti anche creare una tabella al computer, in modo da avere una tabella completa di immagini che mostrano la reale crescita delle piante.

Potresti comunque preferire la tabella cartacea, che conterrà gli appunti scritti da tuo figlio, che in futuro potrebbero essere ricordi di grande valore per te e per i tuoi piccoli. Non dimenticare di piantare anche verdure oltre a piante fiorite e ad altri tipi di piante. Potrebbe essere preferibile utilizzare piante dalla crescita rapida come il nasturzio o verdure come i piselli. I bambini amano vedere in fretta i risultati del loro duro lavoro! Quando scegli le piante per il giardino, ricorda che alcune piante sono velenose, eccone alcune:

  • Digitale
  • Dafne
  • Laburno

Altri suggerimenti di sicurezza: tieni gli attrezzi da giardino per adulti ed i pesticidi lontano dal tuo piccolo e digli che non deve toccare quegli oggetti perché non sono sicuri e richiedono la supervisione di un adulto. Divertiti con il giardino di tuo figlio. Sarà una bella attività all’aria aperta ed una fonte di ricordi per il futuro, sia per te che per i tuoi bambini. Il giardinaggio offre anche un’opportunità per imparare e per aggiungere meravigliosi fiori e piante al giardino di famiglia.

naturalmentemamma.it

Top

Perché realizzare un orto?

La crisi continua e l’inquinamento è una problema sempre più grande che si ripercuote sulla salute, cosa possiamo fare per rimediare?
La soluzione di questi problemi non è sicuramente né semplice né rapida, ma ognuno di noi ha la possibilità di fare la propria parte creando un piccolo orto.

Risparmio: Pensate a tutti gli ortaggi che compra una famiglia di 4 persone durante l’anno e riuscirete a immaginate che risparmio potreste avere riuscendo a produrne anche solo la metà.

Ecologia: L’orto ci permette di tutelare la natura perché consumare prodotti coltivati nel proprio orto è il miglior esempio di prodotto a Km 0. Inoltre se vi organizzate e differenziate i rifiuti organici per produrre il compost, necessario per fertilizzare il vostro orto, riuscire a ridurre notevolmente anche la produzione di rifiuti.

Salute: Un altro vantaggio dalla realizzazione di un orto è quello di avere prodotti al 100% biologici e naturali, salutari e ideali anche per bambini piccoli. Non dimentichiamoci poi che un po’ di lavoro fisico fa solo bene.

L’orto oltre a essere una risorsa è, al tempo stesso, un posto dove giocare con i bambini insegnandogli i valori della terra con cui sono cresciti i nostri nonni, per questo motivo molte scuole hanno già cominciato a sviluppare programmi di coltivazione nel giardino scolastico per avvicinare le nuove generazioni alla natura e alla sua salvaguardia.

Per saperne di più: GreenMagazine

Top

Giochi da spiaggia: come stimolare il bambino

La spiaggia, il sole, il mare e l’acqua sono fantastici ingredienti per far giocare e divertire i bambini, oltre che stimolare la loro crescita.

Mare è sinonimo di grandi giochi sul bagnasciuga e di gare per eleggere il castello di sabbia più bello. Spesso i nostri piccoli sono un intoppo al relax di mamma a papà, che desiderano starsene tranquilli sotto l’ombrellone. Ecco alcuni consigli per non rendere “nera” la giornata di mare insieme ai vostri bambini.

Prima di iniziare ogni gioco in spiaggia, proteggete le vostre creature con la massima protezione solare o con gli appositi indumenti da mare. Se il bambino è irrequieto, la mamma potrebbe prendere accordi e concedergli di giocare, a patto che possa farlo o sul bagnasciuga, oppure nei dintorni dell’ombrellone dove sono a rilassarsi i genitori; a meno che uno dei due non desideri giocare con il piccolo. I giochi da fare in spiaggia per far stare il piccolo “irrequieto” tranquillo sono tanti, dal classico castello di sabbia alla ricerca di conchiglie fino al gioco delle biglie.

Paletta e secchiello: un classico intramontabile per mettere in gioco la creatività del piccolo.  Il “kit” essenziale di ogni bambino nelle sue prime esperienze di vita in spiaggia ha infatti rappresentato per ognuno di noi importanti strumenti attraverso i quali esprimere il proprio estro creativo! Con paletta e secchiello in mano si diventa tutti un po’ artisti, e persino “ingegneri e architetti” costruttori dei mitici castelli di sabbia.

Uno dei consigli fondamentali che potrebbe aiutare i genitori è quello invogliare i piccoli a far fare amicizia con i bambini vicini di ombrellone. È un vantaggio sia per loro che approdano ad una novità: l’amichetto delle vacanze e sia per i genitori che riescono a stare più sereni perché il figlio gioca con coetanei e non si annoia con gli adulti.

Come rendere questo gioco più stimolante? La mamma o il papà potrebbero fare da arbitro e proclamare il vincitore dell’opera di sabbia più bella. Il premio può essere un buon gelato a merenda, un bagnetto in più o la possibilità di giocare un altro po’ sul bagnasciuga: questi tipi di giochi ”non movimentati” sono consigliati anche come misura di sicurezza perché i piccini sono fermi ed evitano di spostarsi tra gli ombrelloni e perdersi.

La ricerca in acqua. Un altro gioco da fare se il piccolo è irrequieto e non vuole stare fermo sotto l’ombrellone è quello della ricerca delle conchiglie e la raccolta delle telline che, in genere, sbucano spesso al mattino presto con i pesciolini, che amano nuotare anche quasi in riva nelle prime ore del mattino. In questo caso, via a mascherine e rastrello. Questo tipo di divertimento stimola la curiosità del piccolo, lo aiuta a prendere confidenza, in modo graduale, con il fondo del mare, visto che tutto viene effettuato in apnea e con la maschera subacquea ed è un intrattenimento tranquillo da fare con mamme e papà.

Un altro classico intramontabile che ha accompagnato tutte le generazioni almeno dagli anni ’60 è rappresentato dalla pista per le biglie, terreno di appassionanti sfide all’ultimo colpo a forza di “cricchi” sulle palline di plastica con dentro la faccia dei campioni di ciclismo.
Per i più appassionati, la gara stessa era preceduta da un lungo perfezionamento del circuito, disegnato spesso con belle curve paraboliche, prima debitamente”cementate” con acqua, sulle quali effettuare mirabolanti sorpassi sugli avversari. Questo tipo di gioco avvantaggia i genitori perché, una volta stabilita la zona di “azione” del gioco, i bambini rimangono fermi senza infastidire i vicini di ombrellone ed evitando di perdere il senso dell’orientamento nel caso dovesse spostarsi.

Sotto l’ombrellone: se il bambino non ha un carattere irrequieto ed è più grandicello, allora è facile intrattenerlo con la lettura, sotto l’ombrellone, di un fumetto, del suo libro preferito, oppure farlo divertire facendo seppellire nella sabbia mamma o papà.

Fonte: www.arturotv.tv

 

 

Top
1 2 3 4 Page 1 of 4