All posts in Gli esperti

Pizza sì, ma con misura

 

La pizza è un alimento amato dai bambini e ricco di sostanze indispensabili alla loro crescita. Prevederla nella dieta quotidiana non è sbagliato. L’importante è non esagerare. 

La pizza può continuare ad essere l’alimento amato dei nostri figli ed un modo sano di alimentarli secondo la tradizione mediterranea. È necessario però inserirla in modo corretto nella giornata alimentare di ognuno nel rispetto della sua storia di eventuali patologie presenti, dei suoi introiti calorici e dei suoi consumi energetici.

Può essere un buon spuntino? I classici componenti (grano, olio d’oliva, mozzarella e pomodoro) la fanno rientrare tra gli alimenti preferiti di una corretta alimentazione mediterranea. La pizza margherita, sicuramente la più consumata, che prevede l’aggiunta della mozzarella di bufala o mozzarella normale, apporta per gr. 100 di tale alimento, 271 Kcal, con una quota di proteine e lipidi di poco inferiore ai 6 grammi. La classica pizza tonda mangiata in pizzeria, che pesa intorno ai 200 grammi, apporta tra le 400-500 Kcal (ad eccezione del tipo marinara assai meno calorico, in alcuni casi anche <200 Kcal). Si tratta allora non di un semplice spuntino, per il quale sarebbe preferibile un alimento prevalentemente glucidico come la frutta, ma di un piatto unico.

Mio figlio tende al soprappeso quindi niente pizza? Il soprappeso è sempre il risultato dell’interazione di fattori costituzionali ed ambientali, in cui rientrano corretta alimentazione ed abitudine al movimento. L’approccio non può quindi essere mai la completa esclusione di un determinato alimento, ma la capacità a collocarlo nel momento giusto e nella quantità giusta. Una pizza tonda 1 o 2 volte a settimana, ricordando i valori nutrizionali appena citati, può costituire un buona cena da vivere in armonia con la famiglia e gli amici; se poi si aggiunge un buon piatto di verdure e si termina con frutta, bevendo acqua, non ci sono problemi nel continuare un percorso di riduzione ponderale, in modo sereno.

Lo spuntino a scuola deve allora assumere la forma e le quantità di un alimento ricco di carboidrati e povero di grassi e proteine: in questo senso la frutta nelle sue varie forme può essere una buona risposta, ma anche una piccola quantità di pizza (ad es. gr.50 di pizza rossa del fornaio) possono essere una corretta fonte calorica ed in nutrienti.

Mangiamo pure tutti la pizza, ma tenendo presente la nostra alimentazione complessiva, e muoviamoci di più!

Fonte: www.ospedalebambinogesu.it

 

Top
1 4 5 6 Page 6 of 6