All posts in Moda

Colorare i vestiti con tinture naturali

Quella di colorare i vestiti con tinture naturali rappresenta una pratica antichissima, purtroppo soppiantata dal frequente uso di coloranti di sintesi senza badare alla pericolosità che questi hanno per la nostra salute e per l’ambiente. Oltre a ridurre il disastroso impatto ambientale, le tinte naturali aiutano a combattere le irritazioni della pelle causate da alcune sostanze come l’anilina e i derivati da catrame e petrolio ed alcune ammine aromatiche (come la benzidina e la betanaftilamina) ritenute altamente tossiche a contatto con la nostra pelle.
Come colorare i vestiti? Seguendo alcune semplici regole, otterrete dei capi così belli che sembreranno appena acquistati.

[highlight]Prima fase[/highlight]: mordenzare il tessuto per tingere i vestiti
Prima di iniziare a tingere i vestiti, ricordate che questa pratica non può essere eseguita su ogni tipo di tessuto. Un ottimo risultato è possibile ottenerlo con fibre completamente naturali: cotone, seta, lana, lino, canapa. Le fibre sintetiche e miste non sono adatte a questo procedimento. Prendete una pentola vecchia, preferibilmente smaltata, versate un litro d’acqua con un cucchiaio colmo di sale grosso oppure bicarbonato di sodio e portate il tutto in ebollizione. Inserite il capo che avete deciso di tingere, precedentemente lavato e lasciato umido, e fatelo bollire per almeno una decina di minuti. Togliete dalla mordenzatura, cercate di eliminare l’acqua in eccesso e senza sciacquare.

[highlight]Seconda fase[/highlight]: preparazione delle tinture naturali
A questo punto passate alla seconda fase che consiste nella preparazione della tintura naturale. Cominciate con lo scegliere la materia prima da utilizzare per la tinta e procuratevi una quantità pari al peso del tessuto (es: 1 hg di bustine di the per una maglietta da 1 hg di peso).
Procedete sciogliendo del sale grosso nell’acqua, seguendo la proporzione di un cucchiaio da cucina di sale per ogni litro di acqua, al suo interno dovrà bollire per circa un’ora l’ingrediente scelto per la tinta naturale.
Nel caso in cui usate il the in bustine o dei decotti di fiori mettetele in infusione direttamente nell’acqua, mentre se scegliete bacche o petali, potrete anche frullare il tutto e bollire la poltiglia ottenuta.
Quando vedrete che l’acqua ha raggiunto la sfumatura sperata, da ricordare sempre che il colore dell’acqua sarà sempre più scuro di quello che effettivamente passerà sul tessuto, lasciate raffreddare.

[highlight]Ultima fase[/highlight]: come colorare i vestiti 
Dopo aver lavorato sul tessuto e creato la vostra sfumatura di colore è arrivato il momento di donare splendore al vostro capo. Per procedere con la tintura riposizionate la pentola sul fuoco immergendo al suo interno il tessuto, abbiate cura che sia coperto del tutto dall’acqua.
Lasciate bollire a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno il capo, fin quando non vedete il tessuto del colore desiderato calcolando un tempo di non meno di un paio d’ore.
Spegnete il fuoco senza togliere il tessuto dalla pentola, dovrà rimanervi al suo interno sino al raffreddamento dell’acqua. Adesso non vi resta che risciacquare il tessuto in acqua fredda fino a quando l’acqua non risulterà ben chiara… ed il gioco è fatto, il vostro nuovo vestito dalle sfumature naturali è pronto per essere sfoggiato in pubblico.

Sostanze naturali da cui estrarre le tinture naturali
Al fine di ottenere un tessuto diverso da quelli che troviamo in commercio, dando vita ad un pezzo del tutto originale, servitevi della vostra fantasia e sfruttate le molteplici sostanze naturali da cui poter estrarre le tinture per il vostro capo d’abbigliamento. Di seguito troverete alcuni consigli sui prodotti da utilizzare per creare le tonalità principali. Partiamo con la tonalità del marrone facilmente ottenibile dalle bustine di the avanzate o dai fondi di caffè, ma anche altre spezie come la curcuma, lo zafferano ed il curry da cui potrete benissimo estrarre delle sfumature giallo-arancioni. Mentre per dare vita alle tinte blu-viola è possibile usare del succo di mirtillo, delle foglie di cavolo rosso da cui si ottiene il colore azzurro delicato, della barbabietola, della radice di robbia, delle bucce di cipolla gialle e del vino rosso.
Con le foglie di sambuco, le bacche di ginepro, le ortiche e le cipolle rosse potete estrarre un colore giallo-verdognolo. Oltre a questi prodotti potrete usarne molti altri, basta fare una passeggiata all’aria aperta accompagnati dai vostri bambini per osservare come la natura possa regalarci una serie infinita di colori.

Stile NaturaleCome colorare i vestiti con tinture naturali.

 

 

 

 

 

Top

I nostri piccoli Babyvip

Nel cuore della Puglia l’imprenditoria tessile cerca di sopravvivere alla crisi e lo fa con qualità, creatività e puntando sui bambini. Il nuovo brand che veste i più piccoli dai 0 ai 5 anni si chiama Babyvip,  e il nome non è un caso. I modelli si ispirano alla libertà creativa dei bambini e alla loro innata eleganza, ovviamente senza dimenticare l’importanza di un prodotto che doni benessere sin dai primi mesi di vita, e a indossarlo sono loro: i vip dei vip, i più piccoli. E’ il mondo dell’intimo, della pigiameria, degli accessori e dell’abbigliamento firmato babyvip: accoglie i neonati con body, pagliaccetti e tutine di puro cotone e li avvolge nelle morbide e graziose copertine; accompagna il bambino durante la sua crescita vestendolo di felpe con stampe assortite, camicie easy chic e pigiamini in vero english style. Le bambine sfoggiano maxi pull con strass e leggins colorati, vestitini con stampe floreali in estate e maxi camicie a quadroni in inverno. La moda di Babyvip esalta l’esuberanza, la spensieratezza, la creatività, l’energia, la positività e la libertà dell’infanzia, cercando di interrogare soprattutto i desideri e le esigenze dei bambini, i veri protagonisti di Babyvip. Regala un mondo in cui è possibile mixare colori, forme e fantasie per essere sempre trendy e originali e poter imparare dai bambini la vera libertà creativa. Mamme, lasciatevi trasportare dal mondo colorato di Babyvip e se volete trovare il corner più vicino basta cliccare QUI.

Per chi desidera entrare a far parte del mondo Babyvip e aprire un corner può visitare il sito

www.babyvip.co

Top

Un fashion Doudou per ogni bambino

Per garantire un sonno migliore ai nostri cuccioli, sarebbe meglio abituarli ad addormentarsi, già da piccoli con il proprio doudou. Per doudou si intende un oggetto, preferibilmente morbido e soffice, da stringere e coccolare durante il momento dell’addormentamento. E’ il classico orsacchiotto che, anche noi da bambini, stringevamo forte e, con il passare degli anni, diventa uno dei ricordi più teneri. Chi di voi si ricorda del proprio doudou? Il mio era rosa, con il nasino a forma di cuoricino e l’avevo chiamato Poppel. Profumava anche di fragola!

Ora, però care mamme, i tempi son cambiati, basta orsacchiotti e cagnolini di pezza. Oggi il vero must have in fatto di doudou sono le creazioni del brand My name is Simone. Personaggi buffi, eccentrici e all’ avanguardia, realizzati con materiali al 100% di origine organica. Oltre ad essere davvero morbidi e simpatici, la titolare del brand, Caroline Castagna-Suarez alias Simone, ha realizzato una limited edition “Paris Paris Collection” in onore dei  grandi della moda parigina.

Fonte: Bigodino.it

Collection-Paris-Paris_Mister-K-mynameissimone

rosalie-mynameissimone-485x363

Collection-Paris-Paris_JPG-mynameissimone

 

Top

Io scelgo Bio

Moda è da sempre sinonimo di fashion, glamour e stile. Ma lo sapevate che può essere anche sinonimo di ecologia? Sì, avete capito bene, proprio ecologia. Si tratta di abbigliamento naturale o biologico, che dir si voglia. Ad essere proposti sono abiti prodotti da fibre vegetali o dal vello degli animali, quando tali fibre sono trattate per tutto il processo produttivo, dal campo al capo finito, con sostanze naturali e/o a basso impatto ambientale ammesse dal sistema di controllo e certificazione del tessile biologico. Vi starete certamente chiedendo “Perché?” e, soprattutto, quali vantaggi possano esistere rispetto alla scelta di un abbigliamento tradizionale. I prodotti chimici usati in campo o sugli animali, per la produzione di fibre tessili, sono tra i più dannosi esistenti e intere aree agricole e produttive sono state distrutte dall’uso dei pesticidi per la produzione di fibre tessili. I successivi trattamenti effettuati durante la trasformazione provocano alte percentuali di allergie da contatto, oltre che l’inquinamento dei corsi d’acqua.

Scegliere di vestire biologico potrebbe essere una scelta certamente nuova che, comunque, ha attirato già un numero abbastanza elevato di persone. Una scelta legata all’amore e al rispetto della natura, un modo nuovo per dimostrare il rispetto per l’ambiente. Voi che ne pensate?

Top
Page 1 of 1