All posts in Green Life

Equinozio di primavera: oggi 20 marzo alle ore 17.57

Può essere il 19, il 20 o il 21 marzo e quest’anno, per la settima volta consecutiva sarà il 20 marzo. Stiamo parlando dell’ equinozio di primavera. Il termine equinozio non si riferisce a un giorno, ma a un istante: quello in cui il Sole attraversa, passando dall’emisfero australe a quello boreale in marzo, l’orizzonte celeste e tocca il cosiddetto punto vernale, ovvero l’ intersezione tra l’ eclittica e l’equatore celeste. Questo istante nel 2014 cade alle 17:57 in Italia del 20 marzo. In poche parole è arrivata la primavera. I fiori sbocciano, gli animali si risvegliano, i profumi corrono dappertutto inebriando l’atmosfera. Le porte si aprono e le giornate si trascorrono sull’erba e tra le api che svolazzano di fiore in fiore, in compagnia, in serenità. La primavera è una rinascita un po’ per tutti, rappresenta il risveglio, la fioritura.

Un’antica leggenda racconta di un’ antica festa onorata ancora ai giorni nostri, è il festival di Naw Ruz che significa «Nuovo Giorno». Il festival affonda le sue radici nello Zoroastrismo e i riti celebrati rievocano la storia della creazione e l’antica cosmologia del popolo Iraniano e Persiano. Festa di speranza e di rinnovamento Naw Ruz è osservata oggi non solo in Persia ma anche nei paesi vicini: la sua celebrazione dura ben 13 giorni. La popolazione dà il benvenuto al nuovo anno purificando le case e saltando sui falò allestiti per le strade.

Top

Scambiare libri e non sprecare denaro

Nel periodo in cui la crisi è costantemente presente ma la voglia di acculturarsi non diminuisce anzi, aumenta, c’è qualcuno che trova delle geniali soluzioni. Si chiama Libroscambio. E’ una piattaforma digitale in cui è possibile comprare, vendere e scambiare libri, senza spendere però troppo denaro. La piattaforma  prende vita dall’idea di Michele Benetti e Stefano Bonvicini, due amici originari di Bassano del Grappa che, dopo aver testato il meccanismo di scambio libri usati presso il Centro Giovanile di Bassano, hanno deciso di sviluppare una versione online del servizio per fare in modo che gli studenti possano comprare i libri usati durante tutto l’anno. Si possono vendere e ricavare libri di ogni genere: scolastici e universitari. Un’iniziativa interessante e soprattutto non sprecona LibroScambio: non vi resta che collegarvi a LibroScambio e cercare i libri di cui avete bisogno.

E’ importante segnalare queste iniziative, quasi di riciclo, in cui si cerca una soluzione logica per andare incontro alle necessità di tutti. Come è possibile applicare la teoria del riciclo su plastica, carta, vetro e tanto altro, non bisogna sottovalutare che un libro, letto e studiato già, possa essere utile ancora e ancora. La cultura non può fermarsi con le difficoltà economiche.

Top

I giorni della Merla, i più freddi dell’anno

I cosiddetti giorni della merla sono, secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio (29, 30 e 31) oppure gli ultimi due giorni di gennaio e il primo di febbraio. Sempre secondo la tradizione sarebbero i tre giorni più freddi dell’anno.

La Leggenda: 

Due merli erano venuti in città sul finire dell’estate e avevano sistemato il loro rifugio su un alto albero nel cortile di un palazzo situato in Porta Nuova. Poi, per l’inverno, avevano trovato casa sotto una gronda al riparo dalla neve che in quell’anno era particolarmente abbondante. Il gelo rendeva difficile trovare le provvigioni per sfamarsi; il merlo volava da mattina a sera in cerca di becchime per la sua famiglia e perlustrava invano tutti i giardini, i cortili e i balconi dei dintorni. La neve copriva ogni briciola. Un giorno il merlo decise di volare ai confini di quella nevicata, per trovare un rifugio più mite per la sua famiglia. Intanto continuava a nevicare. La merla, per proteggere i merlottini intirizziti dal freddo, spostò il nido su un tetto vicino, dove fumava un comignolo da cui proveniva un po’ di tepore. Tre giorni durò il freddo. E tre giorni stette via il merlo. Quando tornò indietro, quasi non riconosceva più la consorte e i figlioletti erano diventati tutti neri per il fumo che emanava il camino. Nel primo dì di febbraio comparve finalmente un pallido sole e uscirono tutti dal nido invernale; anche il capofamiglia si era scurito a contatto con la fuliggine. Da allora i merli nacquero tutti neri; i merli bianchi diventarono un’eccezione di favola.

Top

La Guerra dei Grandi. Lo spettacolo “per non dimenticare”

In occasione della Giornata della Memoria (27 gennaio 2014), il Parco Naturale Selva Reale realizza uno spettacolo per bambini: per non dimenticare.

Domenica 26 gennaio, dalle 11 alle 13, l’associazione culturale Teatrificio 22 accompagnerà i bambini alla scoperta di una tragedia che non deve essere dimenticata mettendo in scena lo spettacolo La Guerra dei Grandi. Al centro della storia, l’amicizia tra due compagni di scuola: uno ebreo, l’altro cattolico. Il loro punto di vista diventa il fuoco della narrazione, attraverso il linguaggio tipico dell’età infantile: ludico, curioso, ingenuo, poetico,crudo. Con la maestra, attenta custode delle loro sensibilità che tenta di difenderli dal mondo esterno, rappresentato da un quarto personaggio, che irrompe costantemente a turbare la loro spensieratezza e ingenuità.

I bambini più piccoli (l’attività è consigliabile ad età superiori agli 8 anni) incontreranno gli animali del bosco.

Dove: presso Parco Naturale Selva Reale, s.p. 238 Corato/Gravina al km 25,400, Ruvo di Puglia (BA)

Costi: Euro 7,00 per bambini e adulti Apertura del Parco: ore 10.00 Inizio attività: ore 11.00 Fine attività: 0re 13.00 LA PRENOTAZIONE E’ OBBLIGATORIA.

Per info e prenotazioni: 346 6070190 – info@selvareale.it – www.selvareale.itwww.ilmagicobosco.it

Per coloro che restano a pranzo, l’Agriturismo Selva Reale offre menù a base di prodotti tipici del territorio. Si informa che sono previsti menù per celiaci.

Seguici anche su Facebook: https://www.facebook.com/parco.reale?fref=ts

Top

Amici animali: il capriolo

E’ un animale erbivoro che si nutre di graminacee, varie specie di piante erbacee, foglie di un gran numero di alberi e arbusti, ghiande, corteccia e funghi. Può compiere spostamenti di oltre 90 km. Il suo nemico naturale è il lupo che può rappresentare un pericolo anche per gli adulti. Preferisce uscire di notte, ma può anche essere attivo di giorno nei luoghi ove non corre pericolo.

Potete trovare questo splendido esemplare presso i boschi del Parco Naturale Selva Reale, assieme a tutti gli altri meravigliosi esemplari. See more.. 

Top
1 2 3 4 18 Page 2 of 18